L'ideatore di Risorse Hotel.it
Giovanni Marzolla

Giovanni MarzollaPerito Informatico dal 1987, in seguito ha conseguito la specializzazione di Travel Manager presso l'IPSS "Motolese" di Martina Franca (Ta) e l'Univerisita' di Bari...

[ Leggi tutto ]

Creazione sito internet
Demo sito per Hotel con booking engine.

[ vedi sito ]


Oltre 25 di esperienza nel campo del turismo ed informatica dedicata ad esso, Risorse Hotel non puo' che essere un serio interlocutore per quanto riguarda il vostro sito internet.
Capire l'esigenza del cliente e consigliarlo al meglio è la fase principale per poter sviluppare sul web le proprie idee in modo semplice e professionale.
Il sito di fianco proposto è una semplicissima Demo, ma con molta facilità e brevissimi tempi è possibile l'integrazione con un ottimo Booking Engine ed un vastissimo Channel Manager facile da utilizzare.

 
Volete piu' informazioni a riguardo di cosa è un Booking Engine, oppure un Channel Manager?
Non esitate a contattarmi per qualsiasi richiesta o consulenza in merito, non costa nulla!

EMail: giovanni.marzolla@risorsehotel.it
Mobile: 339 10 16 070

News

 


Social Media Marketing: tutto quello che c’è da imparare dai vincitori dei Social Hotel Awards.

[ Leggi tutto ]

Marco Colucci, uno Chef d'eccellenza!

Chef Marco Colucci

Risorse Hotel.it offre come consiglio e soluzioni, diverse figure professionali nel ambito alberghiero - ristorativo.
Non possiamo far altro che citare lo Chef Marco Colucci.
Figura importante ed acclamata nel settore che...

[ Leggi tutto ]


 

L'Unione europea e la classificazione degli alberghi

L'apertura delle frontiere tra i Paesi dell'Unione europea ha creato una variegata panoramica per quanto attiene alla classificazione alberghiera.
Da parte della Ue, peraltro, non e mai esistita l”intenzione di imporre uno schema di classificazione comune a tutto il territorio della Comunita'.
Il Consiglio dell'’Unione ha adottato una raccomandazione (86/665/CEE), il cui contenuto non e' vincolante per gli Stati membri, circa l’introduzione di una serie di elementi comuni nell'informazione fornita al turista.
La linea comunitaria è quella di intervenire solo nei casi in cui si ritenga che gli Stati membri non siano in grado di realizzare gli obiettivi prefissati o nei casi in cui l’intervento comunitario si manifesti più rispondente al caso concreto in esame.
Pur non escludendo la possibilita' che in futuro si arrivi a un sistema di classificazione comunitario, si e' per ora scelta la strada di procedere con una serie di indicazioni di massima.
Secondo la raccomandazione della Ue, ogni annuario degli alberghi dovrebbe contenere le seguenti informazioni di base:
a) identificazione dell”albergo (denominazione, indirizzo, telefono, fax);
b) numero totale delle camere;
c) periodo di apertura;
d) prezzo massimo praticabile (IVA inclusa) per una camera doppia in alta stagione;
e) distanza da aeroporto, stazione ferroviaria, terminal;
f) carte di credito e forme di pagamento accettate;
g) simboli uniformati (pittogrammi) dei servizi offerti dall’albergo.

La piu' significativa innovazione introdotta dalla raccomandazione comunitaria riguarda l’introduzione di 26 simboli uniformati sui servizi offerti, che hanno lo scopo principale di descrivere con immediatezza all’utente l°esistenza di un determinato servizio.

 

La classificazione alberghiera in Europa

Notiamo innanzitutto che otto Paesi (Belgio, Irlanda, Francia, Lussemburgo, Grecia, Olanda, Portogallo, Spagna) dispongono di un sistema di classificazione nazionale, mentre Italia e Gran Bretagna rinviano a una classificazione su base regionale; la Germania ha un sistema di classificazione libero.

Il sistema tedesco è basato sul principio che il prezzo è l’elemento che catalizza l’insieme della qualità: a prezzi alti corrisponde una qualità più elevata.
In realta', in un mercato cosi segmentato dal punto di vista spaziale come e' quello alberghiero, a un determinato prezzo della camera puo' fare riscontro una vastissima gamma di situazioni che non aiutano il potenziale cliente nel processo decisionale di scelta.

Il sistema inglese, in aggiunta al sistema di classificazione nazionale, che è volontario, anche se presuppone il rispetto di alcune norme tra cui un codice di condotta, ne ha introdotto uno opzionale di valutazione della qualita'. Tale introduzione e' dovuta al fatto che il sistema di classificazione in uso non forniva la benché minima indicazione di quegli esercizi i cui standard qualitativi erano in modo significativo superiori al minimo richiesto.
Il metodo opzionale consiste nell’attrihuire agli esercizi che ne fanno richiesta e che obbediscono ai criteri prefissati, indipendentemente dalla categoria alla quale appartengono, una delle seguenti annotazioni:
• altamente raccomandato,
• raccomandato,
• approvato,
sulla base del diverso livello di qualita' che ciascuno di essi offre al cliente.

Il sistema francese è basato su un decreto del 1986, successivamente modificato, che stabilisce le condizioni minime affinche' una struttura possa essere classificata come albergo. Vengono definite sei classi e all’interno di ciascuna di esse sono stabiliti gli standard che riguardano caratteristiche fisiche, strutturali, elementi di servizio.

Il sistema spagnolo e' molto simile a quello francese, un tempo estremamente rigido e ora evoluto verso un sistema meno vincolante, che tenta di ricomprendere anche elementi di servizio e non solo elementi strutturali.

Il sistema del Benelux (Belgio, Olanda, Lussemburgo) e assai dettagliato rispetto ai requisiti strutturali e di servizio e prevede controlli biennali. Questi tre Paesi hanno anche deciso l'adozione di una targa comune che viene affissa all’ingresso principale dell’albergo e che contraddistingue le strutture in possesso di regolare licenza.

In Portogallo e' stata gia' adottata una classificazione che pone, a fianco di una lunga serie di requisiti, l’uso dei simboli che contraddistinguono i servizi prestati.

ln Irlanda il nome "Hotel” è un marchio registrato, di proprietà dell`Ente per il turismo irlandese, e viene concesso esclusivamente alle strutture che si associano, previo versamento di una data quota, e che rispondono alle precise norme statutarie. Di conseguenza e' l'Ente per il turismo che si rende garante per l'iscrizione, la classificazione e il controllo permanente della qualita'; tale ente ha già ampiamente introdotto negli annuari l'uso dei pittogrammi.
Una struttura che sia in regola per quanto riguarda le norme di sicurezza e igieniche puo' operare anche senza aderire all'Ente per il turismo, ma non può utilizzare la dizione "Hotel”.

 

Il sistema di classificazione svizzero

La Svizzera, pur non essendo un Paese aderente alla Ue, e di fatto fisicamente un Paese europeo a tutti gli effetti e nel campo alberghiere puo' vantare una grande tradizione.
ll sistema di classificazione svizzere obbedisce alle scopo di dare al cliente la massima affidabilita' e sicurezza in ordine alle caratteristiche strutturali, ai servizi fondamentali e a tutti quelli aggiuntivi.
La classificazione svizzera non è statale, ma e' stabilita dall'associazione di categoria degli albergatori, che consente agli hotel associati di fregiarsi, accante alla classificazione a stelle che viene lore attribuita, di un logo distintivi.
La classificazione, il logo e la sigla sono depositati e protetti a norma di legge.
La Societa Svizzera Albergatori (SSA) stabilisce anche i criteri della classificazione. ll sistema utilizzato distingue le strutture ricettive nel modo seguente:
albergo: esercizio completamente attrezzato, che permette di accogliere, alloggiare e prestare servizio di ristorazione agli ospiti; offre la pensione completa, la mezza pensione, la camera e la prima celaziene;
albergo senza pensione (garni): esercizio che effre soltanto la camera, la prima colazione, le bevande;
locanda di campagna con alloggio: esercizio di ristorazione tipico di una certa regione, che dispone di
comodi alloggi, di sufficienti disponibilita' di parcheggio e si contraddistingue per la qualita' e l’acceglienza che viene riservata alla clientela;
aparthotel: albergo in cui una parte degli alloggi e' costituita da monolocali e appartamenti con uso di cucina.

ln Svizzera gli alberghi sono suddivisi in sei categorie.
Si parte da alberghi che possono utilizzare la sigla SSA e le stelle (da una a cinque) per arrivare ad alberghi che possono utilizzare solo la sigla senza stelle (si tratta in questi casi di esercizi particolari per i quali non è stato possibile procedere a una vera e propria classificazione). Le locande di campagna rientrano tutte in una categoria unica.
Per attribuire una data categoria a un esercizio vengono adottati i seguenti criteri: per la categoria più alta (5 stelle) vengono fissati 27 requisiti minimi con una tolleranza di un solo requisito mancante.
Al diminuire della classe vengono riadattati o eliminati determinati criteri.
Per tutte le categorie suscettibili di classificazione viene effettuata una distinzione tra alberghi di affari e di alberghi per vacanze sulla base delle differenti esigenze che i due segmenti di mercato presentano.
Il sistema non prende in considerazione la qualita' della cucina per l'estrema soggettivita' della sua valutazione.
Il sistema svizzero prevede anche l'uso di 94 pittogrammi, che coprono non solo tutti gli aspetti relativi all'esercizio, ma anche le caratteristiche e le infrastrutture presenti nella localita' sede dell’esercizio stesso.

Statistiche

  • OS : Linux s
  • PHP : 5.6.38
  • MySQL : 5.5.5-10.0.36-MariaDB
  • Ora : 23:00
  • Caching : Disabilitato
  • GZip : Disabilitato
  • Visitatori : 1
  • Articoli : 52
  • Visite agli articoli : 660620

Informazioni Contatti

  • Autore del sito: Giovanni Marzolla
  • Tel: +(039) 339.10.16.070
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Website: http://www.risorsehotel.it
  • Webagency: http://www.studioprogettouno.com